Drazen Praja Dalipagic



Carlo Spillare (suo compagno di squadra) rivolto a Dalipagic: “segni sempre, che culo che hai Praja…” E lui: “certo, io ordino a pallone di entrare…“

Una volta ho visto dio, era Jugoslavo, aveva i baffi, una canottiera granata, e giocava a basket. Certo, un dio minore, perchè l’unico vero dio che abbia mai calpestato un campo da basket era nero, pelato e portava il numero 23 sulla schiena.

image
Drazen “Praja” Dalipagic

Drazen Praja Dalipagic, quel signore con le spalle curve e il baffo triste che sembrava camminare per il campo senza nemmeno sudare, era diventato il mio “personal god”.
La partita in cui ebbi la rivelazione fu quella che la Reyer giocò contro la squadra di Udine, nelle cui fila militava un play americano a fine carriera, ma ancora fenomenale, che rispondeva al nome di Larry Wright.
Quell’incontro me lo ricordo come una sfida tra Larry Wright da una parte e Drazen Dalipagic dall’altra, 44 punti per il play americano e 56 per il “Drago di Mostar”, 12 punti di differenza, gli stessi che separarono anche le due squadre alla fine della partita.
Forse i numeri reali furono diversi, ma non importa, io me lo ricordo così, il resto non conta.
Dalipagic trascinava con la solita apparente flemma i suoi quasi 2 metri d’altezza in giro per il campo, quando la palla finiva tra le sue mani, lui dava un’occhiata al canestro, tirava e segnava.

Stavo seduto sui gradoni di cemento del palazzetto dell’Arsenale a Venezia assieme a Carlo, il mio compagno di classe/amico del cuore/cestista, che mi spiegava un po’ meglio le azioni in campo, ma nemmeno lui riusciva a capire quello che stava facendo Drazen.
Purtroppo per Udine, anche il loro allenatore non lo capiva, lo stavo guardando da mezza partita ormai, con il passare dei minuti il linguaggio del suo corpo faceva trapelare un misto tra disperazione e rassegnazione. Aveva caricato la squadra di falli nel vano tentativo di bloccare quella mattanza, tutti i giocatori si erano alternati cercando di fermare Dalipagic, ma quando ad un certo punto Praja, con un difensore aggrappato al collo come fosse un cucciolo di koala, tirò da lontanissimo facendo canestro (e poi segnando anche il tiro libero conseguente al fallo) l’allenatore allargò le braccia in segno di resa, impotente davanti a quell’ennesimo prodigio, e fu in quel momento che io ebbi La Chiamata.
Ero Jake Blues/John Belushi, da qualche parte il reverendo James Brown mi urlò: “Hai visto la luce!?”. Io, estasiato, mi alzai in piedi e urlai: “Si!”, in quel preciso istante il tetto del palazzetto si aprì e un fascio di luce colpì il mio viso, mentre angeli con i baffi iniziarono a cantare le lodi del tiro da tre punti.
Forse non andò proprio in questo modo, ora che ci ripenso ho dei dubbi, ma sono passati tanti anni, abbiate pietà.

La Reyer in quegli anni era davvero la squadra di Venezia e molti dei suoi giocatori abitavano in città, la casa di Dalipagic ad esempio era vicina alla mia, spesso mi capitava di vederlo in giro, chiuso in un enorme cappotto beige e in una sciarpa rossa stile Fellini.
Camminava con calma, con la stessa velocità e con la stessa aria pacifica che aveva in campo, rispondeva a chi lo salutava, ma per lo più se ne stava per i fatti propri.

Era famoso per la sua dedizione al lavoro e il suo continuo perfezionamento del tiro.

Ma l’attrazione per il canestro e la preparazione maniacale, fatta di sessioni infinite di tiri veniva da lontano, non era certo nata a Venezia. Igor, un amico de Il Poltronauta originario di Mostar, mi racconta di un campo di basket all’aperto a Kantarevac, una zona piuttosto centrale della città. In quel campo, “consumato dalle scarpe di basket” (come dice Igor) si giocava di continuo, tranne nei pomeriggi d’estate, quando Mostar diventava una delle città più calde d’Europa.
Nelle prime ore del pomeriggio, mentre tutti cercavano refrigerio a riparo dal sole, sul campetto di Kantarevac non c’era nessuno, tranne un ragazzo alto e magro con pesi alle caviglie e ai polsi incurante dei 40 gradi dell’estate di Mostar e concentrato in quella sua personale sfida con il canestro che continuava a trafiggere con parabole magnifiche. Nel silenzio assoluto di quel caldo feroce si sentivano solamente i rimbalzi del pallone usato da quel “pazzo” di Praja, che prima di tornare a casa si imponeva di segnare 100 tiri consecutivi dalla distanza, e se falliva il novantacinquesimo non si faceva sconti e ripartiva da capo.

A Venezia giravano un sacco di leggende sul suo conto, una delle più divertenti raccontava di quando, a passeggio con la moglie nei giardini di Sant’Elena, passò vicino al campo da basket all’aperto dove stavano giocando dei marinai americani appena sbarcati in città. Durante un’azione la palla finisce fuori del campo, fermandosi a pochi centimetri dal piede di Drazen, lui, con il solito cappotto beige d’ordinanza, la raccoglie e con calma, al posto di passarla all’americano più vicino, tira verso il canestro centrandolo. Gli americani increduli gli restituiscono la palla, lui fa altri 2 passi verso il campo e tira, e segna di nuovo, per farla breve ogni volta che gli passano la palla, lui segna, fino a quando la moglie spazientita lo richiama e il mio dio jugoslavo se ne va, lasciando gli americani ammutoliti.

Visto la sua incredibile abilità nei tiri liberi (nella leggendaria partita nella quale segnò 70 punti, ne infiliò 19 su 19) c’era una storia che girava fatta apposta per spiegare la sua precisione, si raccontava che a fine allenamento, mentre i suoi compagni erano sotto la doccia, lui si mettesse alla lunetta e con gli occhi bendati (alcuni dicevano che usasse la sua inseparabile sciarpa rossa) tirasse un centinaio di tiri liberi di seguito, assistito nel recupero della palla da un ragazzino.
Io per queste storie impazzivo, e finivo per crederci.
A differenza delle altre divinità, gli dei del basket invecchiano, e l’anno successivo, a quasi 37 anni Dalipagic, il drago di Mostar, lasciò Venezia per giocare l’ultima stagione in Italia a Verona.

___mostar_iv____by_roblfc1892-d6nbtim
Il nuovo ponte di Mostar, foto di Roberto Pavic

Passarono molti anni prima che sentissi parlare ancora di Mostar, improvvisamente non era più nemmeno in Jugoslavia, ma in Bosnia-Herzegovina, la guerra stava dilaniando quella terra e credo che ben pochi pensassero al basket.
Il TG mostrò l’ennesimo crimine di guerra, il meraviglioso antico ponte di pietra sul fiume Neretva (in italiano Narenta), che collegava la parte cristiana della città a quella musulmana, era stato distrutto dall’esercito croato-bosniaco.
Come spesso capita nelle guerre, ci sono simboli che vanno colpiti, e quel ponte era fonte d’imbarazzo, un ostacolo da eliminare per chi voleva dividere quella terra.
Il TG recuperò vecchie immagini, e la curva del ponte mi sembrò familiare, l’arco che si rifletteva sul fiume sottostante ricordava incredibilmente le parabole dei tiri di Dalipagic, come se inconsciamente il drago di Mostar cercasse di ricreare quella curvatura unica ad ogni suo canestro.
Mi immaginai allora che, finita la guerra, gli ingegneri e gli architetti incaricati della ricostruzione avrebbero chiamato Praja per fargli disegnare La Curva perfetta dalla quale ricostruire il ponte.
Ovviamente non andò così, il ponte fu ricostruito quasi 10 anni dopo, sotto il patrocinio dell’UNESCO e grazie ad uno sforzo internazionale.
Ora il ponte è al suo posto, identico alla sua versione precedente, come se nulla fosse, un simbolo resta un simbolo, soprattutto quando deve coprire ferite fresche. Almeno l’apparenza è salva.

Dalipagic a Mostar non abita più da anni, viene spesso a Venezia per raccogliere gli applausi di chi non l’ha mai dimenticato ma anche di chi all’epoca non c’era, mentre le leggende su di lui se le ricordano in pochi.

Praja
Il mio santino personale con l’effige di Dalipagic

Qualche anno fa capitai per sbaglio a casa di un mio amico per pranzo, con lui c’erano delle persone che non conoscevo, tra questi un ragazzo magro e alto. Salta fuori che suo padre era l’allenatore della Reyer negli anni di Dalipagic.
Allora io inizio a raccontargli tutti gli aneddoti di cui mi ricordavo, comprese le due leggende metropolitane.

Appena finisco un sorriso gli si disegna in volto, mi dice che in merito alla sfida con gli americani non può dire nulla, ma sui tiri liberi post allenamento lui ci crede, perchè il ragazzino che gli passava la palla era lui.

A volte i miracoli accadono, almeno avesse detto “mio cugino”, allora sì avrei avuto qualche dubbio, ma quel ragazzino era davvero lui. Non gli chiesi però della sciarpa rossa, pensai fosse meglio nonesagerare.

Dopo anni una delle leggende della mia gioventù rivelò non essere tale, ma da allora continuo a cercare dei marinai americani…

Annunci

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Fred ha detto:

    100 tiri tutte le sere, non ricordo la benda ma ricordo il ragazzino che recuperava e gli passava la palla. E queso quando gli altri erano sotto la doccia, mentre noi poveri pallavolisti che ci allenavamo dopo facevamo il riscaldamento……

    Liked by 1 persona

  2. Ivan ha detto:

    A Mostar c’è un posto chiamato Kantarevac…un posto dove si giocava a basket 24 su 24….Mostar che peraltro è la città più calda d’Europa…in estate arriva anche a 52-54 °C…Praja da ragazzo faceva 5-6 ore di tiro tutti i santi giorni imbotito di pesi e cavigliere..era un maniaco dell’allenamento , un GRANDISSIMO…Praja the Best

    Mi piace

    1. Il Poltronauta ha detto:

      Grazie Ivan! Questa mi mancava. 🙂

      Mi piace

      1. Igor ha detto:

        Mostar….la mia città che ora a parte il ponte non é quella che lasciai 24 anni or sono….a Kantarevac mi ci portava mio papà,avrei avuto 4/5 anni….ricordo solo 2 cose…una che mi sedevo sempre sui gradoni in alto e la seconda che si giocava sempre……il campo rischiava di scomparire per usura dalle scarpe….l’aneddoto che mio padre mi racconta sempre é che un “pazzo”come Praja si allenava tutti i santi giorni a Kantarevac con i suoi pesi adosso nelle ore più calde….e a Mostar d’estate dalle 12.00 alle 17.00 non vedi un anima (normale) per le strade…..tranne ovviamente lui…Praja…tiri su tiri,imbottito di pesi sotto un sole cocente (45-50gradi)….e soprattutto non andava a casa se non segnava prima 100 su 100 …ma da 3 punti….capitava di sbagliare il 95 o 96 tiro e lui iniziava tutto da capo….non si andava a casa se non faceva 100 su 100!!!
        Mostar mi manca…una città così non esiste….non esisterà più..100.000 anime..forse.,ma in quanto a giocatori che ha dato al basket dai vari Teletović,Bogdanović Bojan,Barać,Planinić,….e 20 km più in basso verso il mare…..a Čapljina i vari Repeša….insieme ai gioiellini di Bender e Zubac…entrambi 97 ma già in Nba!!!!
        Igor (uno che AMAVA e AMA la MIA MOSTAR)

        Mi piace

      2. Il Poltronauta ha detto:

        Grazie Igor,
        Tutto il mio blog si basa sulla memoria, cercando di non essere troppo nostalgico (non sempre ci riesco però).
        Il basket è un ottimo veicolo per la memoria, e io che sono attaccato alla mia città (e a tutti i suoi ponti) ma che non l’ho mai lasciata posso solo immaginare la tua nostalgia.
        Anche se in qualche modo, visto come è cambiata, è la città che ha lasciato i suoi abitanti. Per questo il ricordo di Praja mi è molto caro.
        Adesso però mi è venuta voglia di andare a Mostar ancora più di prima.
        Grazie ancora, se non ti dispiace aggiungerò il tuo ricordo al post.
        Riccardo, aka Il Poltronauta 🙂

        Mi piace

  3. andrea ha detto:

    Grazie!!! Ho seguito gli anni di Praja quando ero adolescente,un campione in tutto,specie di umiltà! Lo ricordo assieme all’altro immenso slavo,il mitico Ratko Rascio Radovanovic,il gigante buono,un pivot incredibile! Quando tornavo a casa da scuola e tornavo a casa con lo strumento,visto che ho fatto il conservatorio,dovevo prendere il vaporetto alle fondamenta nuove e i due abitavano da quelle parti ,un giorno mi feci coraggio e dissi Forza Reyer e grazie!! Loro si voltarono e mi salutsrono con una cortesia immensa,rispondendo : grazie a te! Anche tu fai una disciplina difficile,mi raccomando studia molto!! Che uomo straordinario!

    Mi piace

    1. Il Poltronauta ha detto:

      Grazie a te! Ogni piccolo ricordo è una tessera del mosaico della nostra memoria collettiva.
      Praja abitava proprio alle Fondamente Nove (nella casa dove si alternavano giocatori della Reyer, incluso tale Brian Jackson, ma per quello ci vorrebbe un altro post).
      Radovanovic abitava poco distante (a 100 metri da casa mia), però non ho mai trovato il coraggio di salutarlo.
      Erano dei giganti, in tutti i sensi.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...